DPI per lavorare in sicurezza

Guanti da lavoro, abbigliamento, calzature di sicurezza e DPI in genere sono disciplinati da normative che ne regolano l’utilizzo sulla base dei settori operativi. Rispettarle significa non solo essere in linea con gli obblighi di legge, ma soprattutto lavorare in sicurezza. Qui puoi trovare alcune delle principali normative di riferimento per i Dispositivi di Protezione Individuale. Nel caso di dubbi ti consigliamo comunque di contattarci o di chiedere indicazione al responsabile della sicurezza di riferimento.

Le normative che regolano i Dispositivi di Protezione Individuale

Il simbolo CE indica che i prodotti (DPI) sui quali è apposto, rispettano lo standard europeo che regola la loro progettazione e la loro produzione.

 

La comunità europea

Nel 1989 la Comunità Europea ha pubblicato due direttive riguardanti la fabbricazione e l’uso durante il lavoro di Dispositivi di Protezione Individuale (DPI):

  • La direttiva 89/686/CEE sulla fabbricazione di DPI
  • La direttiva 89/656/CEE sulla utilizzazione di DPI durante il lavoro.

 

La normativa

Le direttive sui Dispositivi di Protezione Individuale stabiliscono con termini generali:

«Le richieste essenziali che devono essere osservate per vendere DPI all’interno dell’unione Europea e per impiegare DPI sul luogo del lavoro; queste sono state recepite nell’ordinamento legislativo Italiano rispettivamente con Decreto Legislativo 475/92 e 626/94».

 

Valutazione dei rischi

L’individuazione e la scelta dei dispositivi individuali di protezione è conseguente ad una prima analisi dei fattori di rischio presenti in tutte le fasi di lavorazione ed alla verifica della messa in atto di tutti gli accorgimenti tecnici ed organizzativi necessari per eliminare o ridurre al minimo qualsiasi rischio.
L’analisi preventiva è indispensabile sia per individuare, sia per scegliere con correttezza, i Dispositivi di Protezione Individuali.

 

Le categorie di rischio

I Dispositivi Protezione Individuale sono stati suddivisi in tre categorie (Articolo 4 Decreto Legislativo 475/92).

 

PRIMA CATEGORIA

Appartengono alla prima categoria, i DPI di progettazione semplice destinati a salvaguardare la persona da rischi di danni fisici di lieve entità.
Dichiarazione di conformità rilasciata dal fabbricante sotto la propria responsabilità (nessun intervento di organismi notificati).

 

SECONDA CATEGORIA

Appartengono alla seconda categoria, i DPI che non rientrano nelle altre due categorie. (Rilascio di attestazione CE di tipo da parte di un organismo notificato solo all’atto della progettazione del Dispositivo Individuale di Protezione).

 

TERZA CATEGORIA

Appartengono alla terza categoria, i DPI di progettazione complessa destinati a salvaguardare da rischi di morte o lesioni gravi di carattere permanente.
Rilascio di attestazione CE di tipo da parte di un organismo notificato con controllo almeno annuale del prodotto nelle seguenti forme a scelta del fabbricante:

  • controllo del prodotto finito
  • controllo del sistema di qualità